Domenico Pievani

Domenico Pievani

Installazione

“La montagna mi guarda”, diceva Cézanne osservando Sainte-Victoire e la stessa cosa dice Domenico Pievani guardando il paesaggio di Edolo. L’artista, tramite un ribaltamento tra soggetto e complemento oggetto, mette in atto uno spostamento del punto di vista abituale e inverte i ruoli di osservatore e visibile. La sua frase, che attraverso l’acciaio forato emerge dal paesaggio stesso, sollecita un’azione, funziona come sprone nei confronti dello spettatore, rende tangibile una sensazione che talvolta si prova a contatto con la natura. Capovolge una visiona antropocentrica, invitando a una nuova consapevolezza dello sguardo.

Domenico Pievani (1953) vive e lavora a Bergamo. Nel 1995 è stato selezionato per il progetto Transfer e ha esposto al Museo Ludwig Forum di Aquisgrana. Nel 2003 viene invitato alla mostra storico-antologica Arte a Bergamo 1970-1981 alla GAMeC. Sue opere sono state esposte al Kunstpalast im Ehrenhof di Düsseldorf, al DAZ di Berlino, al GAMES of Art di Mönchengladbach, alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna, al Museo Maga di Gallarate.