Giulia Crotti

Giulia Crotti

“È un’installazione aerea realizzata a partire dall’assemblaggio scultoreo di materiali quali ostriche e piume. L’opera consiste in una riflessione sul processo di sintesi effettuato dal nostro sguardo che, posto di fronte a qualsiasi immagine, inevitabilmente ricerca la giustificazione razionale più plausibile”. È così che il nostro occhio compie un’opera di sintesi tra forme inanimate, appartenenti a sfere animali differenti, immaginando nuove creature, che prendono possesso di questa corte, dai piani quasi infiniti, ricca di segreti svelati da specchi posti a misura, per restituire frammenti di storia.

Giulia Crotti nasce a Milano nel 1990.
Si forma al liceo artistico e all’Accademia di Belle Arti di Brera.
Nel 2013, si diploma con lode con una tesi di estetica su Gilles Deleuze e Francis Bacon seguita dal Maestro Dany Vescovi e dal Prof. Maurizio Guerri.
Viene poi invitata dal Maestro Carlo Di Raco a proseguire la ricerca presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Fin da giovanissima, ha da sempre affiancato gli studi al lavoro di assistente;
dapprima presso la stamperia d’arte Paolo Nava Studio e, in seguito, presso un
art dealer di Lugano.
Nel 2016, insieme alla giovane curatrice Cecilia Carrara, fonda Milano
Connecting Studio.
Le sue opere sono presenti in diverse collezioni private in Italia e all’estero.
Oggi vive e lavora a Milano.